martedì 31 marzo 2009

IL NUCLEARE IN SICILIA

La settimana scorsa sono stato ad una conferenza che informava sull’energia nucleare, il relatore era Salvatore Cavallo, ingegnere in fisica nucleare. Ha parlato del problema della difficile scelta o meglio del SI e del No al nucleare e ci ha fatto capire che, prima di dire SI o NO bisogna essere informati e preparati. Ci ha fatto una panoramica di come sono le centrali nucleare. Alla fine, tirando le somme e mettendo le mani avanti, lui non è d’accordo per questo tipo di nucleare che si vuole fare in Sicilia , primo perché è di terza generazione, e i nucleari di terza generazioni hanno molti problemi di tipo oggettivo, qualche speranza resta con quelli di quarta generazione ma sono da sperimentare. Poi perché il nucleare non va fatto nelle zone sismiche e come ben tutti sappiamo, la Sicilia è un isola ballerina con tutte le scosse che si registrano al giorno. Quindi al di là delle ideologie, bisogna prima informarsi bene, magari organizzare dei corsi su come funziona il nucleare e poi dire SI o NO. Io dico NO, alla fine ci resta sempre quella certezza del FOTOVOLTAICO e dell’EOLICO che il buon Dio ci ha donato, naturalmente con il rispetto dell’ambiente in cui ci troviamo.

4 commenti:

  1. Just surfing blogs

    http://www.getupsyracuse.com/

    RispondiElimina
  2. Storia lunga e complessa quella del nucleare... ovviamente nessuno penserà di informarsi.. che ci vuole a dire NO se sei un ambientalista ed a dire SI se sei un monocellulare...

    RispondiElimina
  3. Dopo le raffinerie di Gela, Augusta & co., ci mancava solo il nucleare...! La ns Sicilia è così soleggiata, perchè nn investire allora su impianti solari, ke tra l'altro rispettano l'ambiente

    RispondiElimina
  4. L'energia prodotta da una centrale nucleare riesce a soddisfare il fabbisogno energetico di una piccolissima percentuale di famiglie, non molto maggiore rispetto a quella che verrebbe soddisfatta dall'energia eolica e solare. Ovviamente i fondi che si spenderebbero per il nucleare sarebbero sottratti alla ricerca sulle energie alternative.
    Per non parlare del fatto che il nucleare non risolverebbe il problema della dipendenza da altri paesi, visto che in ogni caso dovremmo importare uranio.

    Queste sono considerazioni meramente economiche, fosse per me basterebbe l'argomento della salute delle persone per assumere posizione contro il nucleare.
    Purtroppo c'è chi pensa che siamo meglio morire ricchi, piuttosto che vivere poveri...

    Marialaura

    RispondiElimina